Bollo Auto 2024: tutte le novità

Tulle le novità in merito al bollo auto 2024

Con il nuovo anno anche la tassa automobilistica si rinnova. Scopri i principali cambiamenti del bollo auto 2024.

Nel nuovo anno il mondo delle pratiche auto in Italia vedrà alcuni cambiamenti, anche per quanto riguarda il bollo auto 2024. Queste modifiche influenzeranno importi da pagare ed esenzioni, con particolare attenzione a specifiche categorie di veicoli e di proprietari. Scopri con noi le novità e come prepararsi a questi importanti cambiamenti.

Bollo Auto 2024: che cosa cambia?

In virtù della riforma fiscale proposta dal Governo, è prevista l’abolizione del Superbollo, ovvero la tassa aggiuntiva per veicoli con potenza superiore ai 185 kW. Attualmente, per i primi cinque anni successivi all’anno di costruzione, il Superbollo ammonta a 20 euro per ogni kW oltre la soglia, con una riduzione graduale in base all’età del veicolo. Con la riforma, questo importo aggiuntivo potrebbe essere eliminato, portando a un risparmio significativo per i proprietari di veicoli potenti.

Al momento non abbiamo ancora certezze in merito all’eliminazione di questa tassa: continua a seguire SermeXtra per aggiornamenti!

Scadenze e regole per il pagamento

Se hai acquistato un’auto nuova, la tassa automobilistica dovrà essere pagata entro 30 giorni dalla data di immatricolazione (al netto di eventuali esenzioni).

Esistono alcune differenze alla regola generale, dovute a norme di carattere regionale. In Piemonte e Lombardia, per esempio, la tassa automobilistica dovrà essere pagata entro la fine del mese d’acquisto.

Rispettare la scadenza della tassa automobilistica evita possibili sanzioni: il ritardo nel pagamento, infatti, comporta una piccola maggiorazione sull’importo dovuto, che aumenta in base al periodo che trascorre oltre la scadenza.

Ricorda di verificare sempre la normativa regionale legata alla tassa automobilistica. Potrai rivolgerti all’agenzia Sermetra più vicina per avere le informazioni che cerchi, e per richiedere una verifica sullo storico dei pagamenti della tassa automobilistica.

Esenzioni dal pagamento

Nel 2024, resteranno confermate le esenzioni già in vigore. Saranno esentati dal bollo le automobili di proprietà di persone disabili protette dalla Legge 104, le auto storiche ultratrentennali, i veicoli intestati ad organizzazioni senza scopo di lucro e, potenzialmente, i veicoli elettrici per i primi cinque anni dall’immatricolazione. Un importante passo avanti verso la promozione di una mobilità più sostenibile e inclusiva.

Esenzioni e tariffe agevolate possono variare da regione a regione: fai riferimento alle informazioni rilasciate dai siti istituzionali della tua zona di residenza, oppure rivolgiti a una delle oltre 1.200 agenzie Sermetra presenti in tutta Italia per un quadro sempre aggiornato della situazione normativa.

Servizi offerti