Che cos’è la radiazione auto?

Radiazione auto: di che cosa si tratta e quando avviene

Forse hai già sentito parlare di radiazione auto, ma probabilmente non conosci a fondo questa procedura. Ecco un breve approfondimento che ti fornirà tutte le informazioni più importanti.

Il mondo delle Pratiche Auto è vasto e complesso, e comprende alcune procedure meno comuni e poco conosciute. Tra queste possiamo considerare anche la Radiazione. Ne hai mai sentito parlare? Ecco di che cosa si tratta e tutte le informazioni che potrebbero esserti utili a riguardo.

Radiazione auto: che cos’è?

Quando si parla di radiazione auto si fa riferimento a una procedura che serve per cancellare un veicolo dall’archivio del PRA. In genere si ricorre alla radiazione nel caso in cui il mezzo venga demolito.

Un altro motivo per cui potrebbe essere utile ricorrere alla radiazione è il trasferimento del mezzo stesso presso un paese estero. In questo caso i dati relativi alla vettura saranno registrati da un archivio locale omologo al PRA, che archivierà le informazioni legate al mezzo circolante sulla rete stradale nazionale.

Radiazione per demolizione

La radiazione per demolizione avviene quando un veicolo è rottamato. L’auto da demolire viene presa in carico da un centro autorizzato che si occuperà di ritirare contestualmente targhe, certificato di proprietà e carta di circolazione.

Il caso più comune è legato alla rottamazione per accedere ad agevolazioni o bonus sull’acquisto di un nuovo mezzo. Quando si verifica questo tipo di situazione, è in genere il concessionario a occuparsi della pratica di radiazione. Entro 30 giorni l’incaricato dovrà presentare al PRA una richiesta per cessazione della circolazione per demolizione, e fornire al proprietario del veicolo un certificato di avvenuta rottamazione. Il documento ottenuto esenta il proprietario dal pagamento del bollo e dell’Assicurazione RC, sollevandolo da ogni responsabilità civile, penale e amministrativa.

Il bollo auto dovrà essere pagato unicamente nel caso in cui la rottamazione avvenga oltre i termini di scadenza, ricalcolando l’importo in base ai mesi di effettivo utilizzo.

Radiazione per esportazione

Qualora il veicolo venisse venduto a un residente all’estero, che intende utilizzare l’auto come propria in un altro paese, è possibile fare richiesta di radiazione per esportazione.

Questo tipo di richiesta può essere fatto dall’intestatario dell’auto oppure dall’avente titolo (il proprietario non ancora intestatario presso il PRA, oppure un erede).

Radiazione: casi particolari

Alcuni casi che prevedono la radiazione possono essere considerati legati a forza maggiore. Per esempio, un incendio che distrugga il veicolo o un sinistro che ne comprometta in modo irrimediabile la possibilità di utilizzo.

Esiste poi la radiazione d’ufficio (molto rara). Questa fattispecie si verifica quando l’ente accertatore riscontri il mancato pagamento del bollo per tre anni consecutivi. Senza produrre documentazione che attesti un giustificato motivo per il ritardo nel pagamento del bollo, la radiazione d’ufficio diventa effettiva e il proprietario del mezzo, per poterlo utilizzare, dovrà procedere con la reimmatricolazione, dopo aver regolarizzato la propria posizione legata alla tassa automobilistica.

Non hai pagato il bollo auto?

Leggere questo articolo ti ha causato un panico improvviso, perché non ricordi se hai pagato il bollo auto regolarmente? Vieni in agenzia: il Consorzio Sermetra ha oltre 1.200 soci in Italia, troverai facilmente uno studio di consulenza automobilistica nella tua zona per effettuare una verifica e procedere eventualmente alla regolarizzazione della tua posizione.

Servizi offerti